Avvistamento Ufo in provincia di Frosinone: analisi delle testimonianze


0
Misteri

Misteri – Sono molte le testimonianze di avvistamenti nelle scorse settimane. Tra le altre al Cisu è arrivato il racconto di una ragazza che il 6 maggio scorso alle ore 22:10 circa, mentre si trovava nel centro abitato di Sant’Elia Fiumerapido (in provincia di Frosinone) ha notato, guardando in alto, alcune luci (non molto forti) che si susseguivano nel cielo terso. In un primo momento, ha ragionato sul fatto che potessero essere aerei o stelle ma poi, notando che quelle luci si spostavano uniformemente da sinistra verso destra, ha immaginato che le luci fossero situate ai bordi di un oggetto. Ha, quindi, chiamato i suoi familiari, che con lei hanno potuto osservare questa figura nel cielo e, pensando a qualcosa di eccezionale, hanno iniziato a filmare le luci con un telefono cellulare, pochi secondi prima che scomparissero, circa 5 minuti dopo l’inizio dell’avvistamento.

La testimone si è soffermata sul fatto che le luci, così come si erano disposte, sembravano formare un disco scuro, come un’ombra, con alcune variazioni nel colore, o meglio nella tonalità più o meno scura. Ad esso ha abbinato “un rumore mai sentito prima, come un rimbombo”. La ragazza ricorda che, nello stesso punto, diversi anni prima, era stata avvistata una luce verde muoversi in obliquo verso l’alto per pochissimi secondi.

La durata dell’osservazione ci suggerisce si sia trattato di un fenomeno che si stava svolgendo ad alta quota. I nostri lettori sono ormai smaliziati e nella descrizione avranno sicuramente riconosciuto la più che probabile causa dell’avvistamento: l’ennesimo passaggio sull’Italia di un “trenino” di satelliti artificiali Starlink, dei quali abbiamo già parlato. Per la precisione, quel giorno e a quell’ora sui cieli del Lazio è passato il lotto 24, che era stato lanciato il 29 aprile 2021 alle ore 03:44 con 550 satelliti a bordo, che via via si stanno posizionando nei punti loro assegnati, come può essere verificato tramite i software che ne tracciano le orbite. Ad esempio, il sito Heavens Above ci dice che, visibili dal paese in questione, c’erano 3 satelliti in transito:

06 maggio STARLINK-2535 3,9 22:01:28 10° OSO 22:04:17 43° NNO 22:07:06 10° NE

06 maggio STARLINK-2559 3,9 22:01:42 10° OSO 22:04:30 42° NNO 22:07:19 10° NE

06 maggio STARLINK-2544 4,0 22:03:00 10° OSO 22:05:48 41° NNO 22:08:35 10° NE

Quel che in questo caso risulta più interessante non è, quindi, la spiegazione, ma il meccanismo per il quale l’occhio (o per meglio dire l’elaborazione che il nostro cervello fa di quello che vediamo) riesca a dare un connotato diverso all’avvistamento in sé, contribuendo all’impressione di aver assistito a qualcosa di speciale, non solo di straordinario (come un passaggio di Starlink effettivamente è) ma di “alieno”. Frequentemente le testimonianze sembrano “abbellite” da particolari che sembrano avallare la “stranezza” del caso. A volte alcuni di questi particolari aggiuntivi sono scollegati dall’oggetto osservato in sé, e fanno riferimento ad altro che per pura combinazione avviene quasi nello stesso momento.

In questo caso partiamo dal considerare la forma circolare che sembra delineata dalla linea di punti luminosi. La tendenza a collegare insieme fonti luminose separate è ben nota in psicologia della percezione e in particolare nell’ambito ufologico: venne addirittura battezzata con un nome specifico dagli studiosi dell’Università del Colorado che negli anni 1966-1968 fecero un ampio studio sulle testimonianze di fenomeni aerei insoliti. Con riferimento alla frequente interpretazione di tali luci (nei casi di rientro atmosferico di bolidi o razzi vettori) come “finestrini” di un velivolo affusolato, l’astronomo William Hartmann parlò di “effetto aeronave”

Ma nel caso laziale l’impressione è stata piuttosto di una forma tondeggiante, seppure i 3 satelliti fossero in linea retta (probabilmente vennero correlati con altre stelle visibili al momento, o addirittura con un altro satellite o con una parte del vettore Falcon che li accompagnava). Anche qui ci sono varie motivazioni (psicologiche, simboliche ed anche fisiologiche), studiate in letteratura scientifica (un nome fra tutti: Richard Haines nel suo libro “Observing UFOs”), per le quali si tende spesso a prediligere la linea tonda, il cerchio, rispetto ad altre forme, rispecchiando una sorta di perfezione dell’immagine, spesso presente in varie forme d’arte: in un quadro, una pellicola cinematografica o nelle tavole di un fumetto, la posizione dei personaggi rispecchia frequentemente una disposizione a cerchio.

Il rumore ascoltato contemporaneamente all’avvistamento non aveva, ovviamente, nulla a che vedere con i satelliti, ma è normale che in quel momento qualsiasi stimolo sensoriale venga naturalmente associato all’osservazione in corso. Per cui se un elicottero passa nelle vicinanze oppure un treno o un camion fanno sentire il loro rumore, questo possa venire abbinato al ricordo di quanto sta visivamente accadendo, e correlato ad esso come se fosse parte dello stesso fenomeno. Un’interessante analisi di questo tipo di “false correlazioni” sonore venne presentato nel 2014 da Gaelle Fedoce al seminario ufologico organizzato a Parigi presso il Centre National d’Etudes Spatiales.

Da un lato, quindi, abbiamo un avvistamento la cui causa è facilmente identificabile nel “trenino” di satelliti lanciati da SpaceX, la società di Elon Musk. Dall’altro, quella che potrebbe sembrare una causa banale ci ha offerto alcuni interessanti esempi di come meccanismi percettivi e testimoniali contribuiscano a trasformare l’osservazione in un caso Ufo abbastanza articolato.

Se osservate una luce o un qualcosa in cielo che, in tutta coscienza, non riuscite a spiegarvi, inviate una mail a misteri@ilfaroonline.it e mettetevi in contatto con il Cisu, al sito www.cisu.org oppure all’indirizzo www.ufotuscia.it

Se sei un vero appassionato, clicca qui per visitare www.dentroaimisteri.it
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Misteri



Segue su Il Faro Online


Vi piace? Condividere con i tuoi amici!

0
Il Faro Online

0 Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli un formato
Storia
Racconta la tua esperienza
Video
Carica la ripresa video di quello che hai scoperto
Audio
Invia l'audio che sei riuscito a registrare
Foto
Inviaci la foto della tua esperienza