“Rivelazioni segrete”: gli Ufo esistono? Dobbiamo credere alla Cia?


0
Misteri

Misteri – Il mondo ufologico si interroga sulle notizie che ci arrivano da oltreoceano sulle prossime “rivelazioni segrete” da parte dei militari su quel che sanno degli Ufo. Tutto questo battage ha avuto inizio dalla pubblicazione dei tre video della Marina Usa, registrati dalle telecamere degli FA-18 Super Hornets nel 2004 e 2015 (i famosi Gimbal, Flir1 e GoFast), nei quali si possono vedere oggetti che sembrano compiere manovre ritenute impossibili ad altissime velocità. A partire da quella pubblicazione fra gli esperti si è sviluppato un vivace dibattito sulla questione se i filmati possano avere o no inquadrato veri oggetti volanti non identificati, semplici errori da parte delle strumentazioni e dei sensori oppure l’effetto di contromisure facenti parte della guerra elettronica. Nulla di definitivo, finora.

Ma proprio in questi giorni si aggiungono voci e rivelazioni da parte di “007 americani” che rilancerebbero con affermazioni che vanno ben oltre quel che si è potuto ascoltare da John Ratcliffe, ex Direttore dei Servizi di informazione (DNI) del governo statunitense negli ultimi due anni della presidenza Trump. Secondo quanto da lui affermato in un’intervista alla Fox TV lo scorso 19 marzo, ci sarebbe la conferma dell’esistenza di “prove segrete” dalle quali si evince che gli oggetti non identificati avrebbero raggiunto velocità superiori a quella del suono, durante manovre ardite, senza però la comparsa del “boom sonico”, cosa che tecnicamente, con i nostri aerei, sarebbe impossibile.

Nel corso dell’intervista Ratcliffe ha confermato che “ci sono molti più avvistamenti di quelli resi pubblici”, ratificando quello che il mondo ufologico dice da sempre, ovvero che i governi ed i poteri forti tengono nascoste evidenze e testimonianze che confermano la presenza di fenomeni inspiegabili, da molti attribuiti ad intelligenze extraterrestri. L’intervistatrice gli ha chiesto espressamente dell’annunciato rapporto che proprio l’ufficio che era stato da lui presieduto, il DNI, dovrà presentare entro il prossimo 1 giugno, sulla base della legge di finanziamento ai servizi di intelligence, approvata nello scorso mese di gennaio, perché il Pentagono possa proseguire le proprie indagini sui Fenomeni Aerei Non identificati (UAP, come adesso si chiamano gli Ufo).

E l”ex direttore dell’intelligence americana ha risposto con una frecciata politica, dichiarando che avrebbe voluto essere lui a “regalare” ai cittadini un rapporto declassificato sulla questione, prima di terminare il proprio mandato. La patata bollente quindi è passata al suo successore ed al neo presidente Biden.

Le testimonianze dei piloti e le riprese dei satelliti, porterebbero quindi all’ennesima svolta nella politica di diffusione col contagocce di notizie riservate, così come accade da sempre quando si tratta di intelligence&Ufo. La vera ragione che ha spinto (non da oggi) il Pentagono a tenere un faro acceso sulle segnalazioni di avvistamento, soprattutto da parte di personale militare, è però l’intenzione di capire se quanto rilevato sia da attribuirsi ad altre nazioni non amiche, nel caso specifico a Russia e Cina. In subordine, a volte per sviare l’attenzione, c’è però sempre l’ipotesi extraterrestre, giusto per calmare (o per scatenare?) gli animi complottisti. Abbiamo quindi tempo per fare ipotesi fino tutto maggio, poi vedremo cosa sarà pubblicato nel dossier riguardo quel che i servizi di informazione americani hanno appurato in merito ai fatti in questione.

In questi ultimi mesi che ci separano dal rilascio delle informazioni, avremo modo di assistere a dibattiti preventivi che si faranno via via più cruenti riguardo la veridicità delle affermazioni, quali che saranno. Speriamo che questa prevista pubblicazione non sia la solita montagna che partorisce il topolino, con militari e politici che, come in passato, fanno roboanti annunci e creano un’aspettativa già troppe volte disattesa, limitandosi poi a confermare poche cose e qualche dato già noto e pubblico. Staremo a vedere.

Se osservate una luce o un qualcosa in cielo che, in tutta coscienza, non riuscite a spiegarvi, inviate una mail a misteri@ilfaroonline.it e mettetevi in contatto con il Cisu, al sito www.cisu.org oppure all’indirizzo www.ufotuscia.it
Se sei un vero appassionato, visita il portale dedicato interamente ai Misteri
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Misteri



Segue su Il Faro Online


Vi piace? Condividere con i tuoi amici!

0
Il Faro Online

0 Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scegli un formato
Storia
Racconta la tua esperienza
Video
Carica la ripresa video di quello che hai scoperto
Audio
Invia l'audio che sei riuscito a registrare
Foto
Inviaci la foto della tua esperienza